Festa dei Popoli 2013

L’officina del futuro – la Festa dei Popoli 2013 in un nostro libro

La copertina del libro "L'officina del futuro - Festa dei Popoli 2013: immagini e riflessioni

La copertina del libro “L’officina del futuro – Festa dei Popoli 2013: immagini e riflessioni

Spirito sociale, con la collaborazione di Csv Vercelli, ha realizzato un volume che documenta la Festa dei Popoli 2013 e che è in vendita a 10 euro presso il Csv o tramite richiesta alla mail redazione@spiritosociale.org . Il ricavato andrà a sostegno del Csv Vercelli e della Coop. Artigiana San Giuseppe Lavoratore. E’ un prototipo di una collana che ci piacerebbe realizzare nel tempo per lasciare testimonianza dei tanti eventi e progetti del Volontariato che si realizzano. Il titolo del libro “L’officina del futuro” sta a significare la finalità della Festa, costruire una comunità multi etnica in cui tutti possano sentirsi a casa propria, senza rinnegare le origini e le culture. Il libro di formato 15 x 21 è di 88 pagine, tutte a colori. Dopo le considerazioni dei tre enti promotori della Festa dei Popoli: Csv Vercelli, Caritas diocesana e Comune di Vercelli una breve storia della manifestazione con una carrellata di immagini e un breve testo di bilancio della kermesse, a cura di Sara Ghirardi, si snodano gli eventi dell’Aspettando, con documentazione fotografica di Spirito sociale e Csv e brevi testi di commento, sempre tratti dal nostro archivio. Particolare attenzione è stata data alla giornata dedicata agli studenti, con un ampio estratto delle relazioni e immagini dei vari momenti della giornata. Ampia la documentazione della Festa vera e propria, con un’appendice con le immagini di Andrea Cherchi che, come sempre, ha letto con occhio attento e tocco artistico i volti e i momenti della Festa e che ringraziamo per la disponibilità. In chiusura un breve capitolo dedicato alla Festa dei Popoli di Crescentino.

Per tutti coloro che hanno partecipato è un utile ricordo che allo stesso tempo può contribuire a porre le basi per un volume 2014 molto più ricco di informazioni. Crediamo che la Festa lo meriti, per noi di Spirito sociale è stata una fatica notevole, ma siamo contenti di averlo fatto.

Si sta pensando a una presentazione ufficiale dopo il periodo festivo, intanto chi lo volesse acquistare può farlo, come detto, recandosi direttamente alla sede Csv, oppure tramite mail: redazione@spiritosociale.org.

 

Festa dei Popoli 2013 – Torniamo su “passi di pace”

Passi di Pace 2013

Passi di Pace 2013

La nostra vicinanza alla “Festa dei Popoli” si concretizzerà nei prossimi giorni con la messa in rete di diversi materiali, questo per metterci alla prova e anche per aumentare il volume di testimonianze destinate a rimanere on-line, con la convinzione che possano aiutare la fase di elaborazione della Festa 2014 che si sta per mettere in moto.

Eravamo stati a “Passi di Pace”, la marcia da Billiemme alla sede di Tata Mia con tappe in luoghi importanti della città come il Municipio, la Sinagoga o la chiesa Valdese-Metodista. Ogni sosta era animata da letture sul tema della pace sì, ma soprattutto del concetto di cittadinanza. Ora, grazie alla cortesia degli “Amici della Via Francigena” abbiamo acquisito i testi, molto belli e significativi. Chi non ha potuto partecipare alla “marcia” può così leggerseli in formato pdf. CLICCANDO QUI

Pubblichiamo anche alcune nuove foto della camminata.

 

Festa dei Popoli 2013, a Billiemme

Festa dei Popoli 2013, a Billiemme

Passi di pace 2013, alcuni degli interventi

Passi di pace 2013, alcuni degli interventi

Passi di pace 2013 In marcia

Passi di pace 2013 In marcia

 

Festa dei Popoli, un bilancio

festa_pop_02Finita la Festa dei Popoli 2013 si comincia a pensare alla prossima edizione che, probabilmente, sarà ancor più coinvolgente e articolata, in modo da affermare la cultura dello scambi fra culture diverse, chiamate a costruire insieme una “città nuova”. Detto così sembra un po’ retorico, ma niente di retorico in questi otto giorni di segni, testimonianze e incontri. Si è parlato di cittadinanza, di cosa significa oggi. Sul tappeto le problematiche come lo “Ius soli”, che appare ormai come una conquista all’orizzonte di una manciata di anni, le difficoltà di inserimento nella società a causa di una burocrazia assurda e di leggi che, invece di adeguarsi ai tempi presenti, sono riuscite a peggiorare le disposizioni di epoca fascista. Le diversità si sono incontrate senza scontrarsi ma ascoltandosi. Se devo sintetizzare in poche parole il senso del tema di quest’anno direi che è stata delineata una sfida: che appare utopica ma in realtà non lo è. Una sfida che è soprattutto dei ventenni (italiani di sangue e nuovi italiani) ricostruire il senso di cittadinanza (e anche il modello di democrazia e partecipazione) insieme, cercando una sintesi nuova: fondata sui doveri verso la comunità, che non è più mono-culturale, e sui valori che la comunità erige come fondamenti della convivenza. Infatti una delle riflessioni emerse è che noi stessi, cittadini italiani, non ci sentiamo nel profondo “fratelli d’Italia”. Cosa che invece avviene spesso per gli immigrati di seconda generazione che vogliono con intensità la cittadinanza, non solo per i diritti che comporta, ma anche e soprattutto perché vogliono partecipare, plasmare il futuro. Del resto la diffusione dell’evasione fiscale, il disamore verso la politica, l’individualismo ed egoismo sempre più imperanti, fanno sì che, di fatto, milioni di italiani stanno rinunciando alla cittadinanza perché non la esercitano. Ecco insieme possiamo salvare questo Paese, farlo diventare una casa accogliente, abitata da una famiglia che si rispetta e accetta ogni membro per quello che è, senza volerlo per forza omologare a determinati comportamenti e pensieri. La Festa dei Popoli da cinque anni sta cercando di porre le basi di tutto ciò e, a giudicare dalla partecipazione dell’evento di sabato scorso, ci sta riuscendo. Oggi Vercelli è un po’ più avanti nel lungo cammino di “interazione”.

Merito, diciamolo pure, di una felice intuizione di padre Enrico Masseroni, fatta propria dalla Caritas ed estesa ad un ambito culturale “laico”, con l’impegno determinante del Centro Servizi e delle associazioni e l’apporto convinto delle istituzioni: con il sostegno Settore Politiche Sociali del Comune di Vercelli, del mondo della scuola e dell’Università massicciamente presenti in questi giorni.

Festa dei Popoli: è ora!

Al via la Festa dei Popoli vera e propria, fra pochissimo, dalle 15, spettacoli, stand, storie e immagini dai popoli che sono a Vercelli e dal mondo del Volontariato.

Alle 18 conclusione con lo spuntino multi-etnico. Questo dopo una ricca ed emozionante settimana di preparazione.

Dalle 15,30 circa diretta fotografica. Lasciamo spazio alle immagini!

image

(continua…)

Le radici della cittadinanza in piazza Cavour

mi permetto di ricordarvi che oggi pomeriggio in piazza Cavour alle 18 si terrà l’incontro con l’autore Fabio Geda, promosso dall’Ass. Amici della Biblioteca di Crescentino, dal titolo

Tra poco inzia l’ultimo appuntamento di “Aspettando la Festa dei Popoli”: DOVE AFFONDANO LE RADICI DELLA CITTADINANZA: il senso di identità e appartenenza raccontati da Fabio GEDA

Gallery dell’incontro di piazza Cavour in corso

image

(continua…)

#cittadinsieme in Seminario

Sta per cominciare il Convegno e laboratorio principale di Aspettando.
Ecco le prime foto. Ne seguono altre

image

(continua…)

Donazioni, trapianti e religioni

Oggi, mercoledì 25 settembre, In Seminario, dalle 21 “Aspettando la Festa dei Popoli” introduce un altro tema critico nel confronto con le altre culture e religioni, ovvero le scelte rispetto alla malattia e alle cure. “Donazioni, trapianti e religioni” il titolo dell’incontro. L’argomento viene sviluppato tra esperienze scientifiche e aspetti culturali legati alla donazione e al trapianto di organi. Interverranno Raffaele Potenza e Anna Guermani del Centro Regionale Donazioni e Prelievi della Regione Piemonte e Valle d’Aosta e l’antropologa Elena Messina. A realizzare l’appuntamento sono alcune delle più note associazioni che promuovono la donazione: Acti “Sezione G. Guasco”, Aido, Aned, Anolf e Avis.

(continua…)

Torna all'inizio