Sanità

Home care per dipendenti pubbliche amministrazioni

Logo Comune Vc + Inps

.

Gli utenti dell’Inps gestione dipendenti pubblici non autosufficienti del nostro territorio saranno “gestiti” dal Comune di Vercelli per quanto attiene Progetti Innovativi e sperimentali di Assistenza Domiciliare del Progetto Home Care, per cui il settore Politche Sociali  è stato accreditato quale Ambito Territoriale Sociale. L’estensione territoriale vale per il Comune di Vercelli e quelli convenzionati: Albano Vercellese, Arborio, Asigliano Vercellese, Borgovercelli, Caresanablot, Casanova Elvo, Collobiano, Desana, Formigliana, Greggio, Lignana, Olcenengo, Oldenico, Prarolo, Quinto Vercellese, Rive, Ronsecco, Sali Vercellese, Tricerro, Tronzano, Villarboit, Villata, Vinzaglio e anche tutti i Comuni che fanno capo al Consorzio Cisas di Santhià.

Nel seguito tutte le indicazioni sugli aventi diritto e sulle condizioni offerte a chi volesse accedere a questa formula di assistenza per persone non autosufficienti. (continua…)

Corso di rianimazione con Cri Vercelli

Il logo della Cri di Vercelli

.

Il Comitato di Vercelli della Croce Rossa Italiana organizza un corso per la popolazione, per imparare le tecniche di rianimazione cardio polmonare e come utilizzare un defibrillatore.

Mai come oggi, è importante promuovere le nozioni di primo soccorso e i gesti salvavita da compiere quando ci si trova a dover affrontare un’emergenza. Spesso è possibile salvare una vita, proprio grazie a delle manovre fondamentali da conoscere e mettere in pratica, in attesa dell’arrivo del soccorso qualificato. Imparare le tecniche di rianimazione ed essere istruiti su come si utilizza in modo corretto un Defibrillatore sono, quindi, elementi fondamentali per la protezione della salute e la tutela delle persone, sia sul posto di lavoro che in famiglia.

L’appuntamento è per Domenica 1 Marzo, dalle ore 8.30 alle ore 12.30.

Il costo per pogni partecipante è di 40 euro (più IVA).

Per informazioni e adesioni: Cristina Cavallaro: 340 6658289, cris.cavallaro77@gmail.com (entro il 22 Febbraio).

 

Assegni di cura, la palla la passa a Roma

Antonio Saitta

Antonio Saitta

La questione degli assegni di cura, erogati dalla Regione tramite i comuni, continua a tenere banco e soprattutto angoscia tante famiglie che da mesi stanno aspettando quel che sarebbe loro dovuto. In merito si è anche espresso il Tar come sottolinea in un comunicato l’assessore alla Sanità della Regione Piemonte Antonio Saitta: «La sentenza del Tar afferma un principio che condividiamo appieno, ovvero che cure domiciliari e assegni di cura non debbano essere considerati ‘extra Lea’, ma vadano finanziati con le risorse del fondo sanitario. Questa decisione ci mette nelle condizioni di aprire un confronto con il Ministero, casa che faremo la prossima settimana a Roma». Sarà la volta buona? Lo si spera, anche se il resto della dichiarazione di Saitta non fuga del tutto i dubbi. «Il nostro auspicio è ottenere il via libera per poter utilizzare le risorse della sanità, ma non è una soluzione scontata – aggiunge l’assessore – Qualora ciò non fosse possibile per il 2015 ricorreremo a fondi regionali aggiuntivi perché non possono venire meno i servizi per le persone più deboli: uscendo dal piano di rientro nel 2016 recupereremo finalmente la libertà di finanziare tali prestazioni con il fondo sanitario senza dover subire imposizioni da nessuno. Quello che è certo è che per una questione di principio (finanziare le cure domiciliari con risorse della sanità o con altre risorse regionali aggiuntive) si possa compromettere il lavoro fatto in questi mesi per uscire dal commissariamento. Detto ciò, con l’assessore alle Politiche sociali Augusto Ferrari, condividiamo la necessità di rivisitare il sistema socio-sanitario e di ripensare in modo complessivo la normativa, che deve essere razionalizzata garantendo omogeneità territoriale».

Tornano le Arance della Salute

Logo arance della salute

.

Puntuali, ritornano le “Arance della salute”, un simpatico e salutare invito a sostenere la ricerca contro il cancro. L’appuntamento è sabato 31 gennaio 2015 A Vercelli, con il patrocinio del Comune, il banchetto sarà in piazza CAVOUR, per il quindicesimo anno consecutivo, a partire dalle ore 8,30 e fino ad esaurimento delle reticelle di agrumi. Inoltre, oltre che a Trino, con la supervisione di Mario Buffa, la manifestazione si terrà anche a Desana, Prarolo, Lignana, Santhià e, per la prima volta, San Germano e sarà curata con la consueta dedizione, rispettivamente, da Maria Rosa Accatto, Carla Saviolo, Giuseppe Sassone, Paola Vizia e Giancarlo Lodo.

Dunque, come vuole la tradizione, gennaio AIRC dà il buon anno alla ricerca sul cancro. Basta un contributo associativo minimo di 9,00 euro per ricevere in omaggio una reticella da 2,5 kg di arance, contrassegnate dal marchio dell’Associazione. Questo contributo consente di fare il pieno di vitamine, far del bene alla ricerca e diventare Soci AIRC per un anno.

Insieme alle tradizionali “coordinate” l’Airc ha inviato un interessante report riguardo i progressi nelle cure contro quella che venne definita “la malattia del secolo” che pubblichiamo integralmente nel seguito. Sono barlumi di speranza che sono resi possibili anche grazie alla mobilitazione di tante persone generose. Il traguardo, almeno per una parte di tumori, è dietro l’angolo. Aiutiamo a fare gli ultimi metro… (continua…)

Tutto su rianimazione e defibrillatore con la CRI

Il logo della Cri di Vercelli

.

Il Comitato Provinciale di Vercelli della Croce Rossa organizza un importante appuntamento formativo, dedicato, in particolare, all’insegnamento del BLSD, relativo alle tecniche di rianimazione cardio polmonare e all’utilizzo del Defibrillatore.

L’appuntamento è per Sabato 13 dicembre dalle 15 alle 19 e  Domenica 14 dicembre dalle 14.45 alle 18.45

La promozione della conoscenza delle tecniche di primo soccorso e salvavita si rivela fondamentale perché grazie a queste si può veramente salvare una vita, se ci si trova ad affrontare un’emergenza e nell’attesa di personale qualificato. La rianimazione cardio-polmonare e l’utilizzo del defibrillatore sono quindi fondamentali per la protezione della salute e la tutela della persone sia sul posto di lavoro che in famiglia.

L’iscrizione è obbligatoria, il costo è di 40 euro più IVA.

Per iscrizioni e informazioni: Cristina Cavallaro, monitori.vercelli@piemonte.cri.it, 340 6658289

Nel seguito il comunicato integrale pervenutoci.

(continua…)

I ciclamini della salute mentale

Logo Diapsi

.

Domenica 30 novembre, fuori da diverse chiese di Vercelli: Duomo, Santa Agnese, San Giuseppe, San Cristoforo, San Salvatore, San Paolo, Chiesa delle Maddalene sarà possibile acquistare i ciclamini con una donazione a Diapsi Vercelli. Un evento che precede la Giornata Nazionale della Salute Mentale che si celebra il 5 dicembre. Diapsi è proprio un’associazione che promuove la salute mentale. Lo slogan è “Non è diverso da te. Curare i disturbi mentali si può”, con la vendita di piantine di ciclamini. L’associazione spiega che costruire la salute mentale è cosa che ci riguarda tutti. I disturbi con rilevanza clinica sono solo una punta dell’iceberg… in realtà il disagio psichico è molto diffuso, lo si deve a una società competitiva, dove il valore di una persona viene misurato solo in termini di prestazioni e lo stile di vita occidentale è sempre più causa di isolamento. Dunque è compito di tutti fare qualcosa per contrastare una deriva pericolosa.

In particolare il ricavato delle offerte andrà a finanziare il progetto “Una casa per un po’”.

«Diapsi Vercelli desidera ringraziare i Parroci che ospiteranno l’iniziativa, il Centro Servizi per il Volontariato e Ikebana di Lucia Petrizzi per la preziosa collaborazione e il supporto in questa manifestazione».

 

Con Diapsi Gruppo Auto Mutuo Aiuto per uditori di voci

Cristoforo Colombo: anche lo scopritore dell'America udiva le voci.

Cristoforo Colombo: anche lo scopritore dell’America udiva le voci.

I riflettori sugli “uditori di voci” sono stati accesi nel nostro territorio da Diapsi Vercelli, prima con una bella serata al teatro Barbieri alcuni mesi fa ed ora con nuove iniziative in fase di lancio. Lunedì 1° dicembre, alle ore 15, presso la sede dell’associazione di via Dionisotti 12, sarà presentato il gruppo di Auto Mutuo aiuto costituito in collaborazione con il comune di Vercelli, la rete italiana “Noi e le voci”, che sarà presente con la vice presidente Glenda Piona, e il sostegno della Fondazione Crt.

Il fenomeno degli “uditori di voci” è quanto mai complesso e presenta diversi aspetti. La maggior parte delle persone soggette a questo “disturbo” non lo dichiarano e ci convivono serenamente, altri ne fanno addirittura un punto di forza, perché hanno dalle loro “voci” suggerimenti, premonizioni, consigli che rendono migliore la loro esistenza. Per altri è ragione di terribili sofferenze. L’origine del fenomeno può essere un trauma fisico come un incidente o una malattia, o un evento traumatico di origine psicologica. Questo è il primo gruppo AMA di Vercelli che si rivolge a chi vive tale esperienza. Come illustra efficacemente il volantino, la storia è piena di uditori di voci, da Paul McCartney a Zidane, da Winston Churchill a Newton… Ghandi e Cristoforo Colombo, geni, attori, politici, scienziati, persone che hanno cambiato il mondo. Il gruppo aiuterà a “dialogare” con le voci, ad accettarle e poi superarle, attraverso lo scambio di esperienze anche con chi ha poi risolto il proprio personale caso. Per informazioni: 0161-092294 – info@diapsivercelli.it.

Torna all'inizio